Logo Loading

Enter your keyword

Echoes of War 103

Il secondo raduno degli Echi di Guerra si apre con il più grande Campo da Guerra che il suolo di Vilegis abbia mai conosciuto. Centinaia di tende vengono allestite per ospitare gli eroi che le occuperanno nei giorni seguenti. La prima sera c’è molto trambusto all’interno della Casata Radiant, dove pare che un Luogotenente della Fenice sia rimasto vittima di una qualche maledizione mortale. La vicenda si protrae nelle giornate seguenti, coinvolgendo addirittura tre Opali: due di essi sono in realtà donne appartenenti alla Casata di Soldraconis e dello stesso Radiant.

Tanti dei nobili presenti nella città decidono di mettere mano ai loro forzieri e trattare scambi commerciali tra loro e le genti delle Casate: armi incantate, componenti magici, servizi e misture alchemiche vengono scambiati per veri e propri sacchi di monete. Ogni Casata si prepara alla guerra e cerca in ogni modo di scavalcare le offerte delle concorrenti. Tra la commozione del Triumvirato, le genti di Altea decidono di donare le proprie riserve auree per accaparrarsi, e donare alla casa del toro, più oggetti di ogni altro campo, in vista della ventura Battaglia per Vilegis.

Brandis continua la sua ordalia per sconfiggere le possibili conseguenze nefaste date dalla forgiatura di Zanna d’Orso, amministrando con forza e maestà il suo ruolo di Alto Guardiano, mentre Altea indice un grande simposio sul Nexus, proponendo piani e ricerche per conoscere meglio il comune nemico, adempiendo quindi con zelo al ruolo di Guardiano Custode.
Dopo tentativi ed estenuanti ricerche, una rischiosa e complicata sortita viene tentata nella Frattura con lo scopo di tendere una trappola al Nexus: 50 eroi varcano la soglia della dimora dei Figli della Rovina, divisi in vari gruppi, ed al passare dei minuti la missione sembra sempre più appesa ad un filo. Con coraggio, tenacia, ed un pizzico di fortuna, la trappola viene predisposta e, con la Frattura in stasi ed il cuore in gola, si attende il giorno seguente. L’indomani, tra il giubilo generale, un Figlio della Rovina viene ritrovato ammaliato dal tranello: gli vengono poste molte domande, consentendo così alle genti di Vilegis di compiere enormi passi avanti nella conoscenza del nemico.

Durante una delle notti centrali, un nutrito gruppo di persone vestite di nero esegue un veloce rituale. Oltre a Meriggio non è possibile distinguere altri tra i partecipanti, ma nella fase iniziale ne sono stati contati 13 disposti a circolo…

Un editto dalla Casata Vexant, avvassallata a Brandis, scuote la quiete di una mattinata: ancora si chiede verità e giustizia sul tentativo di omicidio perpetrato ai danni di Caterina solo un anno prima. Per risolvere la crisi, sono molte le manovre politiche che vengono tentate, ma senza successo. Solo l’unione di intenti di Soldraconis e dello stesso Brandis sembrano risolvere la questione, facendo infittire ancora di più il mistero su tutta la vicenda.

Il Fulcrum, sempre più indebolito, deve ricorrere a nuovi rimedi per ripristinare le essenze di chi muore sul campo. Rituali e pozioni alchemiche vengono applicati, così come la taumaturgia. Lo studio però è appena iniziato e in futuro dovranno essere necessariamente tentate nuove strade…

Da Radiant parte un’ingegnosa ricerca proprio sul mondo parallelo di Lunaria, sfruttando la conoscenza di tutte le Casate ed il prezioso aiuto dell’Accademia dei Sacerdoti. La presenza di tanti nobili nel progetto fa nascere molte aspettative, i cui risultati si vedranno però solo alla Rocca d’Inverno di prossima venuta.

Durante una riunione, un’infausta verità viene allo scoperto: Florentia Licinia Altea si rivela essere di sangue Argantis. Altea, unica Casata il cui nome si tramanda nel Senato e non per sangue, aveva una serpe in seno, che tra lo stupore generale, aiutata da molte figure che recano le insegne del Re, rapisce la giovane Speranza, la reincarnazione del potente mago Imperius.
Le suppliche accorate e le colleriche minacce non impediscono al gruppo di ritirarsi usando proprio la Frattura in stasi come scappatoia, mentre in tutto l’accampamento e la città la voce corre veloce: il Re, da un mondo parallelo, sta muovendo le sue pedine.

La Caccia del Re dell’ultimo giorno vede Soldraconis arroccato, mentre Radiant e Brandis tentano di romperne le fila. Altea, veloce e opportunista, riesce però ad avere la meglio su tutti, andando anche a totalizzare il maggior numero di sfere sulla Sferografia: 5 per lei, mentre le restanti Casate chiudono a 2 ciascuna.