Logo Loading

Enter your keyword

Gilda delle Nebbie

Ogni buon avventuriero sà che vi sono luoghi nel Creato che è meglio non visitare, se si vuole vedere il sorgere di una nuova alba o si desidera rimanere sani di mente. Alcuni, tra i più temerari, scelgono di metter da parte la propria sicurezza in un gesto ardimentoso ed audace e tentare comunque la sorte. Nessuno però può fregiarsi del fatto di aver reso queste spedizioni la propria ragione di vita. Nessuno, tranne la Gilda delle Nebbie ovviamente. Sotto la guida di questa singolare istituzione, si raccolgono tutti coloro i quali fanno dell’esplorazione e della ricerca uno dei loro obiettivi principali, che sia per acquisire maggior ricchezze, conoscenza, maggior potere o semplicemente la fama tanto agognata. I responsabili della Gilda sovrintendono alle spedizioni che gli Esterni svolgono nei luoghi di potere di Vilegis ed Istica, come il terribile Valico, l’orrorifica Cripta ed il mortale Giardino dei Sogni, allo scopo di poter mettere le mani su potenti oggetti incantati o di natura ancora peggiore. La Gilda mette a disposizione di tutti le proprie conoscenze sui pericoli insiti in questi luoghi, affinché chi vi entri possa farlo al meglio delle sue possibilità, conoscendo in anticipo i punti deboli delle creature che possibilmente si andranno ad incontrare. E’ oltresì ovvio, che con un via vai così intenso di uomini e tesori, non é difficile per lo scaltro riuscire a reperire oggetti dai più disparati poteri…

Storia

Questa oscura Gilda ha visto i suoi natali su Vilegis da pochissimo tempo, eppure da innumerevoli anni é curata e gestita dalla misteriosa Casata delle Piovre, di cui la maggior parte dei lunariani non conosce neanche il nome, ad eccezione dei Consiglieri con cui sembrano avere invece un rapporto diretto e quasi amichevole, derivante dalla protezione che l’Alto Consiglio ha offerto loro nel momento del bisogno.
La Casata ha senza dubbio un’aura oscura: composta per lo più da avventurieri tetri, non per morale quanto per modus operandi, è alla costante ricerca di potere nell’unico modo che essa ha ritenuto valido, ossia attraverso l’ausilio e l’utilizzo di artefatti e riti molto, molto antichi. Diventati una Casata minore degli Atlantis durante l’Era del Dominio, le Piovre nascono come un ordine a metà tra una forza militare ed una gilda di esploratori, da sempre abituati a muoversi in piccoli gruppi per raggiungere i luoghi più distanti di Lunaria per eseguire recuperi. Proprio in seguito ad uno di questi “recuperi”, questa volta eseguito per il Re in persona, gli fu riconosciuto il rango di casata minore.
Con l’inabissamento di Atlantis nel Mare Astrale, le Piovre si ritrovarono ai margini della vita politica lunariana, completamente estranei alle arti oratorie di palazzo sarebbero presto stati vittima di una guerra di conquista. Eppure, non passò molto tempo prima che qualcuno si interessasse a questi sinistri lunariani che, abituati al freddo, al buio e all’isolamento della loro Gemma, avevano trasformato quelle loro particolari resistenze in bizzare virtù, rivelatesi fondamentali per affrontare lunghe permanenze in ambienti come l’Intercapedine o il Reame dei Sogni. Alcuni Consiglieri dell’epoca capirono la loro maledizione ma anche le loro virtù, offrendo uno scambio: dare di nuovo un senso alle loro strane vite partecipando a delle missioni per il bene comune, in cambio di protezione politica e aiuti commerciali per sopperire alle privazioni della loro inospitale terra, Mesmeria.
La mossa si rivelò un successo per entrambe le parti: negli anni, le Piovre hanno prodotto numerosi successi, alcuni meno famosi, altri invece tali da influenzare la vita di Vilegis, come ad esempio il recupero delle reliquie dei Creatori sulla Gemma di Rabdia, il salvataggio della giovane Speranza e l’intuizione riguardo la “non propagazione” dell’Eco di Radiant dopo la prima battaglia di Vilegis, tanto per citarne alcuni.
La Casata, e la Gilda al servizio delle Casate maggiori, erano diventate insomma un’arma affilata da usare in condizioni disperate.
Successivamente allo spostamento delle nebbie e l’addensarsi di luoghi a loro affini come il Valico, la Cripta ed il Giardino, le Piovre hanno deciso di cogliere la palla al balzo chiedendo all’Alto Consiglio un presidio fisso della loro Gilda durante le Chiamate. Il Consiglio ed i Guardiani si sono dimostrati da subito felici della cosa, in quanto avere qualcuno così competente nelle oscure materie di appannaggio delle Piovre, non può che giovare al bene comune.
Sotto quindi la diretta influenza della Casata, la Gilda delle Nebbie è oggi un luogo in cui i suoi edotti organizzano riunioni volte al discernimento ed alla conoscenza dei pericoli siti in luoghi oscuri e maledetti, dove è importante agire con rapidità e forza ma lo é altrettanto conoscere i pericoli che ci si trova ad affrontare, e dove i più coraggiosi decidono di mettersi in gioco in prima persona ed affrontare una delle spedizioni che così spesso le Piovre decidono di organizzare, per conto di Guardiani ed Alto Consiglio…o loro stessi.

Lunariani della Gilda delle Nebbie

Diversi rispetto ad una normale Accademia, la Gilda non possiede dei veri e propri Maestri e Reggenti, quanto delle personalità di spicco che presiedono alla gestione della stessa durante le Chiamate. Oltre ad Albedo, Pretore della Cittadella e referente delle Piovre all’interno della Gilda, nelle sue mura prendono posto la austera Porzia, il taciturno Cadiro ed i frenetici Desiderio e Temeria. La Gilda ospita anche Febo Lestes, un esterno alla Casata ma legato ad essa molto più di quanto gli stessi affermino pubblicamente.

Cronache dalla Cittadella

La Gilda delle Nebbie ha da poco fatto la sua comparsa sulla scena di Vilegis, ma già dall’inizio si è fatta portatrice di segreti e dicerie sul proprio conto. Oltre ad alcuni suoi membri anziani che sembrerebbero indossare un curioso elmo dai poteri sconosciuti per la “propria ed altrui sicurezza”, si dice che sovente, tra le sue mura, si svolgano delle aste in cui vengono venduti oggetti reperiti durante le spedizioni. Inutile dire che tali manufatti sembrano essere oscuri e pericolosi come i luoghi da cui provengono. In ultimo, durante la Rocca dei Guardiani 109, con un’abile mossa politica, il Borgomastro Calliope Gregoria é riuscita a far eleggere Albedo come Pretore di Vilegis, con tutto ciò che ne consegue.