Logo Loading

Enter your keyword

Valerian

Animale: unicorno
Colori: verde e oro
Motto: Scuoti la terra, lacera la notte

LO SPETTRO

C’è un senso nel Creato che trascende qualsiasi guerra mortale, qualsiasi mira materiale, che si piega invece alle pulsioni, alla mera necessità, al cieco istinto.
Nicodemo Valerian e la sua folta dinastia seguono le stesse antiche regole: così come il cacciatore sa quando tendere la mano e quando attendere o il druido quando chiedere e quando dare, chiunque segua il suo cammino riconosce nella forza quanto nell’intelligenza le armi primarie per sopravvivere alle avversità.
Con la stessa mano che lenisce si dispensa morte per la propria sopravvivenza, con lo stesso sguardo sulla sicurezza della propria cerchia si scruta il punto debole su cui fare breccia in quella avversaria. Con lo stesso ardente cuore che scuote la terra per lasciare traccia del proprio passaggio, ci si prepara a lacerare la notte e a imporvi la propria forza.
Chi segue Valerian non è disposto a rinunciare, ma è pronto a prendere ciò che serve per soddisfare la sua natura. La crudeltà è di chi lascia spazio per sentimenti che esulano dai precetti dello Spettro, è la necessità a farla da padrone: sui campi da battaglia baciati dal sole, o tra le ombre più nere della notte, Valerian agirà sempre ascoltando i propri istinti più antichi, seguendo la voce di precetti vecchi quanto il Creato, lasciando spazio solo all’estasi più furente della caccia. Questo non mette nessuno al sicuro: la preda conosce il suo posto, come il predatore la sua missione, nell’eterno ballo tra vita e morte il Fondamento danza con loro.

LA CHIAMATA

Lo Spettro della Vita estende la sua Chiamata su chiunque ne riconosca il valore, la forza e la necessità. Nel branco che forma la Casata su Vilegis c’è posto solo per chi ha già compreso qual è la sua missione sulla terra: selvaggi o guerrieri tribali, sciamani o erboristi, barbari o difensori sacri, chiunque può beneficiare degli effetti dello Spettro, difendendone la forza su cui grava il Creato tutto, eliminando chi ne mina le fondamenta.
Valerian accoglie chi sa fare della propria Essenza il valore primario, della propria Vita il bene più prezioso… e che sa insegnare tutto ciò ai propri nemici. Solo chi ha padroneggiato questa coscienza può onorare la Vita, estirparla per necessità senza schernirla per diletto, sacrificandola per onorarne altre, distruggendola per proteggerne ancora di più.
Non c’è distinzione tra creature che possono trovare rifugio sotto al vessillo dell’Unicorno: fintanto che ognuno comprende e rispetta la propria natura e quella dello Spettro, non c’è pregiudizio che escluda una caccia, morale che ne infici la giustezza.

GLI OBIETTIVI

La vittoria dello Spettro Valerian porterà nei mondi la forza degli elementi più primevi, potenza e saggezza a chi sa ascoltarli e seguirne l’immutabile corso, mentre chi non ne rispetterà l’importanza sarà braccato fino alla sua sconfitta.

ACCESSO LIMITATO

Il concept della Casata è rappresentato anche visivamente, possono quindi accedervi giocatori con stile di gioco, background, vestiario ed equipaggiamento consono e che ben rappresentino il collegamento con la feralità dello Spettro. Per ulteriori informazioni contattaci tramite pagina Facebook (clicca qui).

VISTI DA...

Argantis

Se vuoi vievere con un animale per quanto da cucciolo ispiri tenerezza, deve essere addestrato perchè da adulto non decida di rivoltarsi verso la mano che l’ha nutrito. Chi ha un pò di esperienza in questo sa che ci sono animali che è meglio non cercare di addomesticare: non dormiranno mai ai piedi del tuo letto, ma li sentirai muoversi di notte, in attesa del balzo letale.

Brandis

Come si può combattere mettendo in gioco la propria morte e ricercando allo stesso tempo la vita? Non che qualcuno non ci tenga a portare a casa la pelle, ma fare entrambe le cose insieme è segno di follia… o di un estasi da battaglia da invidiare.

Gregoria

Forse tra coloro che più comprendono l’equilibrio, mi sovviene però un vecchio detto recita: “non fidarti di ciò che vedi muoversi se non riesci ad individuare una testa”. Ecco cosa penso quando osservo questa gente: poco interessa chi in quel momento identificano come capo, ognuno di loro ubbidisce a qualcosa di più antico, mistico e brutale.

Laoconte

La loro unica preoccupazione sembrerebbe conquistare nuovi trofei di caccia con cui adornarsi, combattendo qualcosa che in realtà non possono sconfiggere. Sembrerebbe che vivano in un mondo onirico, in cui il nuovo scambia il posto col vecchio senza apparente ragione. Ma bada bene, ho detto “sembrerebbe”. Loro sono la ragione per cui noi professiamo morte.

Lynxia

Ecco un vero portento, sembrano essere stati plasmati direttamente nello Spettro, tanto ne hanno assunto le sembianze. Impossibili da prevedere, ma cosa importa? Preoccupati solo di girargli attorno quando sono in caccia e non dovrai mai preoccuparti di cosa stanno mordendo.

Martes

Comprendono come noi la necessità di contribuire al bianco e al nero: vedono il grigio, ma non riescono a svincolarsene completamente. Ed è proprio questo che li rende letali nel difendere la vita, compassionevoli nel dare la morte.

Radiant

Cercano la pace, vivono secondo leggi antiche che rispettiamo, danno valore a ciò che è giusto. Sarebbe tutto idilliaco se non bastasse un leggero mutare della brezza per trasformarli nel contrario di ciò che sembrano.

Soldraconis

Comprendono disegni scritti nel tempo, sanno ancora ascoltare il mormorare del passato, vivono seguendo un sentiero ben preciso. Ci somigliamo, ma noi non siamo disposti a barattare il nostro obiettivo; loro sanno sacrificarlo per conservare qualcosa di più grande.

Vassago

Sai quando è meglio fermarsi a ragionare, decidere che è meglio mettere da parte l’istinto ed agire con un piano? Ecco, loro sono il contrario: sanno già cos’è meglio, e lo sanno perchè ascoltano il proprio sangue. Puro istinto, e puoi star sicuro che se nella stessa situazione saresti tornato a mani vuote, loro lo faranno con qualcosa tra le fauci.

MOTTI E PROVERBI

Dalla caccia non si torna mai davvero a mani vuote

Migliorare è sempre possibile.

Comanda ubbidendo

Fai da esempio.

Il sole sorgerà anche domani

La vita continuerà il suo corso.

Grande è l’albero, piccolo è il seme

Impegnati e raggiungerai l’obiettivo.